John Deere, rotopresse combinate anche per l’Italia

Presto disponibili anche sul nostro mercato i modelli con fasciatore C451R e C461R

John Deere ha annunciato che a breve saranno disponibili anche per il mercato italiano le rotopresse a camera variabile con fasciatore C451R e C461R, che uniscono le riconosciute caratteristiche di elevata produttività e alta qualità della Serie R al sistema a tavola di trasporto (TTS) John Deere.

I due modelli implementano il sistema di espulsione rapida (FRS) messo a punto dal marchio del Cervo che, insieme al sistema di alimentazione ad alta capacità, permette di portare la produzione giornaliera di balle a livelli eccellenti, con punte di oltre 120 balle all’ora; inoltre, la camera di pressatura indipendente MaxD alloggiata all’interno del telaio, in modo che i suoi lati possano spostarsi e scorrere verso l’esterno, offre il sistema di espulsione più rapido mai creato da John Deere.

Il pick up a cinque barre dentate da 2,20 m per impieghi pesanti offre produttività di massimo livello durante le operazioni su aree di grandi dimensioni. Dal punto di vista qualitativo, due cinghie senza fine da 576 mm di larghezza permettono la formazione di balle ad alta densità e con forma perfetta con tutti i tipi di foraggio. L’elevata efficienza della disposizione delle cinghie garantisce un azionamento ottimale in tutte le condizioni. Tre rulli della camera assicurano una perfetta rotazione della balla a prescindere dal contenuto di umidità del raccolto.

Nei modelli C451R e C461R, le fasciatrici messe a punto sulla base della esperienza di John Deere uniscono alle ottime caratteristiche qualitative e di produttività della Serie R anche elevate prestazioni di avvolgimento, con tempi di scarico ancor più veloci e una velocità del braccio avvolgitore di ben 40 giri/min. Assieme al sistema di alimentazione ad alta capacità e alla avanzata tecnologia della camera di pressatura, queste caratteristiche aumentano la produttività in modo significativo, per qualsiasi tipologia di balla.

Sistema a tavola di trasporto

Il sistema a tavola di trasporto (TTS) John Deere riceve la balla e la trasferisce in modo efficiente al sistema di fasciatura; la profonda tavola guida la balla con cura e ne preserva la forma anche su terreni in pendenza. La tavola, lo stoccaggio della pellicola e i coltelli possono essere facilmente controllati dal quadro strumenti in pratica posizione laterale; il sistema permette di mantenere alti livelli di produttività anche grazie ai rotoli di pellicola rapidi e facili da caricare. Un sistema di ingrassaggio automatico, compreso nelle dotazioni standard dei modelli C451R e C461R, con il suo serbatoio da 1.200 g di capacità offre un'elevata autonomia ed è gestito con la massima precisione dal monitor.

Le due rotopresse combinate possono contare su tutte le tecnologie messe a punto da John Deere per la propria gamma di rotopresse. Fra queste il sistema B-Wrap, prodotto esclusivo John Deere, che protegge da pioggia e neve il raccolto conservato all'aperto e contrasta l’infiltrazione di umidità dal terreno. La chiave delle prestazioni di B-Wrap è un innovativo materiale con tecnologia SCM, che mantiene asciutta la balla e impedisce l’ingresso di umidità e la formazione di muffa. O ancora XTranet, facile da caricare, resistente, lunga e larga, Coveredge, la rete che copre anche il bordo delle balle eliminando la formazione di "spalle", e la pellicola elastica Xtrafilm, che offre migliore aderenza e protezione, tenuta stagna, potenti inibitori di raggi UV e una eccezionale resistenza a forature e strappi.

 

John Deere, rotopresse combinate anche per l’Italia - Ultima modifica: 2019-07-23T16:32:18+00:00 da Il Contoterzista

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome