ECONOMIA

Accordo Tonutti-Progroup

Nasce una nuova grande realtà nel settore delle macchine agricole

Realizzare una importante struttura nel settore delle macchine agricole che disponga di una full-line di prodotti che possa soddisfare le esigenze della clientela in termini di gamma di prodotto con una penetrazione la più ampia possibile sui mercati globali è stata da sempre la vision industriale e commerciale di Luigi Blasi e Carlo Tonutti.
In quest’ottica i due imprenditori hanno stipulato un accordo che lega le aziende di Carlo Tonutti – marchi Tonutti e Wolagri – alle aziende di Luigi Blasi – marchi Bargam, Projet, Oma, Rimeco, Agricom, Protek. Friulia, la finanziaria regionale del Friuli Venezia Giulia, partecipa alla creazione di questo gruppo con un intervento in capitale sociale e finanziamento nell’ambito del suo programma di sostegno ai processi di crescita delle Aziende regionali. Carlo Tonutti, presidente di Tonutti Wolagri, società dalle antiche origini fondata nel lontano 1864 dal cav. Gino Tonutti, azienda di riferimento nella produzione di macchine per la fienagione con importanti realtà produttive e commerciali negli Stati uniti ed in Russia ha così commentato: «Con quest'accordo, la nostra rete distributiva ha raggiunto un ragguardevole livello di capillarità che ci permetterà di essere ancora più incisivi nella nostra politica di commercializzazione di prodotti e di gamma che i vari mercati richiedono. Il nostro progetto di aggregazione industriale ha fatto un ulteriore passo avanti, rafforzando il nostro posizionamento sul mercato internazionale, favorendo ed aumentando le capacità di cross-selling, consentendo al gruppo una dimensione maggiore ed una linea di prodotti completa e di eccellenza». Da parte sua Luigi Blasi presidente di Progroup ha messo in evidenza che «la partecipazione in Tonutti Wolagri è frutto di una condivisione di intenti con il suo presidente Carlo Tonutti, persona seria, professionale, capace e stimata che porterà importanti sinergie industriali e commerciali, benefici nel campo della ricerca e sviluppo di nuovi prodotti e nuove tecnologie nonché una maggiore presenza e penetrazione sul mercato sia nazionale che internazionale». Blasi aggiunge ancora che «la nostra forza è stata quella che, in una situazione di forte crisi mondiale, le aziende non si siano fatte deviare dalle emergenze ma, anzi, hanno usato la leva della crisi come acceleratore dei progetti di crescita. Sono molto soddisfatto di aver concluso l’accordo con Carlo Tonutti. Il processo di crescita delle aziende proseguirà con ulteriori acquisizioni/aggregazioni per allargare ulteriormente la gamma di prodotti e rafforzare la presenza sul mercato».
85.000 mq per 7 unità produttive e 5 filiali nel mondo
Nel contesto della suddetta operazione il nuovo gruppo potrà contare sulla collaborazione di quasi 500 di-pendenti dislocati nelle 5 filiali nel mondo e in 7 unità produttive su 85.000 mq di stabilimenti industriali siti ad Imola (Bo), Remanzacco (Ud), Jesi (An), Manduria (Ta), Suzzara (Mn), Memphis (Usa) e in Russia a Krasnokamsk dal 1995 dove si sta continuando ad ampliarne la capacità produttiva. Sono questi i numeri della nuova aggregazione formata dal binomio Blasi-Tonutti, imprenditori che da sempre hanno a cuore la qualità del Made-In-Italy e l’Economia italiana delle attrezzature agricole. Questa nuova configurazione permetterà, non solo di rafforzare la propria presenza sul mercato interno, ma anche e soprattutto di espandere e rafforzare la propria presenza internazionale. Dagli Stati Uniti alla Russia passando per la qualità e il know-how italiano, questa è la vera forza della nuova realtà. Con la Tonutti Wolagri la gamma disponibile si amplia di prodotti di alta qualità del settore della fienagione. Le punte di diamante adesso spaziano dal diserbo Bargam, agli atomizzatori Projet, impollinatrici e irroratori Oma, semoventi e vendemmiatrici Rimeco, falciatrici e ranghinatori Tonutti, rotopresse e fasciatori Wolagri e componentistica per l'irrorazione Protek. Guardando al panorama italiano delle macchine agricole, non si riesce a trovare una selezione così importante di macchine in un solo gruppo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome