Pagamenti e attività connesse

La sala dell'assemblea di Reggio Emilia.
All’assemblea di Reggio Emilia evidenziati i nodi cruciali del momento da risolvere

L’ultima domenica di marzo, presso l'Agriturismo Cavazzone di Viano (Re), si è tenuta l'assemblea annuale di Apima Reggio Emilia, che ha visto la partecipazione di un centinaio di imprenditori agromeccanici reggiani.

Dopo la relazione del direttore di Apima, Donatella Bertozzi, sulla gestione 2014 e i vari adempimenti statutari (fra cui il rinnovo delle cariche sociali), il presidente Angelo Zatti ha tenuto la sua relazione annuale. Una relazione incentrata sulle problematiche che più direttamente investono le imprese agromeccaniche, dall'introduzione della nuova Pac e dei relativi vincoli, all'agricoltura conservativa e di precisione, che si stanno diffondendo proprio grazie al contoterzismo.

Ma la categoria, ha aggiunto Zatti, deve fare i conti con i forti ritardi nell'incasso delle fatture per i servizi svolti, oltre che con elementi di disturbo come le attività per conto terzi svolte dalle aziende agricole, che spesso superano i vincoli di connessione praticando una concorrenza sleale. Altro tema ricordato da Zatti ha riguardato i tagli alle assegnazioni gasolio agricolo: dopo le riduzioni applicate nell'ultimo biennio, il 2015 si apre con una decurtazione di oltre il 26%, che annulla la diminuzione dei prezzi dei prodotti petroliferi.

Mario Danieli, direttore vendite Italia del gruppo Argo Tractors, main sponsor della manifestazione, ha presentato la Casa costruttrice, che affonda le proprie radici proprio nel territorio reggiano, e che può dirsi a pieno titolo “tutta italiana”, nel senso che la produzione dei tre marchi è interamente concentrata in Italia. In proposito si deve rimarcare – secondo Danieli – il valore aggiunto del “made in Italy” che rappresenta ancora un fattore competitivo, oltre che di immagine, per molte grandi aziende, titolari di prodotti di eccellenza, che si richiamano al nostro territorio ed alla sua vocazione produttiva.

Un'attenzione, ha concluso il rappresentante di Argo Tractors, non sempre riscontrabile nella pratica, come si è visto ad esempio in occasione della protesta contro l'importazione di riso asiatico, condotta da agricoltori che esibivano, con scarsa coerenza, trattori di provenienza estera (anche cinese!).

I risultati a livello nazionale

Il presidente di Unima, Silvano Ramadori, dopo i complimenti a un’Associazione che ha saputo mostrare la forza del contoterzismo anche nei numeri, ha ricordato le linee programmatiche dell'attività dell'Unione, manifestando una certa soddisfazione per i risultati conseguiti nel suo primo biennio di presidenza. In primo luogo, si è rafforzata la rappresentanza sindacale partendo dal livello europeo fino a quello nazionale e regionale: in quest'ultimo ambito si sta operando affinché le imprese agromeccaniche possano trovare spazio e risorse nell'ambito dei Psr. D'altro canto, ha osservato Ramadori, l'azienda agricola, anche se di medie dimensioni, non può permettersi di fare innovazione in proprio ed ha bisogno del contoterzista come partner ideale. Riguardo alle attività connesse, Ramadori ha osservato che chi esce dai limiti costa denaro allo Stato: bisogna circoscriverne i limiti per vitare che diventi una forma di elusione, se non di reale evasione fiscale. Le norme comunitarie, per la prima volta, vietano di erogare contributi quando questi possono determinare fenomeni di sleale concorrenza: per questo vigileremo sull'applicazione dei Psr interessando anche altri organi della pubblica amministrazione. Il presidente Unima ha concluso il suo intervento sulle iniziative per migliorare la competitività delle imprese rappresentate, da un contratto di lavoro più flessibile alla legge per il riconoscimento del ruolo dell'agromeccanico, dalle facilitazioni creditizie, alla riduzione della burocrazia.

Ezio Di Benedetto, responsabile commerciale di Argo Tractors, ha presentato i numerosi modelli del Gruppo, divisi fra i marchi Landini, McCormick e Valpadana, anticipando l'intenzione di uscire con nuove macchine di potenza superiore a 300 cavalli, progettati pensando proprio ai contoterzisti. Dopo la presentazione delle principali novità normative, curata da Roberto Guidotti del Servizio tecnico Unima, dedicata ai temi della revisione, del Sistri e della riapertura dei termini per le pratiche di prevenzione incendi, l'evento si è concluso con il pranzo sociale.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome