MECCANIZZAZIONE

Non si ferma la corsa di Fendt

Inaugurato il nuovo stabilimento di Marktoberdorf: l’obiettivo delle 20mila unità all’anno diventa ormai realtà

Peter-Josef Paffen, portavoce di Fendt, snocciola i numeri. Martin Richenhagen, presidente di Agco, la corporation che controlla il marchio tedesco, chiarisce le strategie. Ma l’appuntamento di fine settembre a Marktoberdorf rappresenta soprattutto un passaggio storico per Fendt.

Con l’inaugurazione e l’avvio del nuovo stabilimento il marchio tedesco investe sul futuro e vede davvero a un passo quell’obiettivo di lungo periodo che si era dato a inizi anni 2000: le 20mila macchine all’anno collocate sul mercato. Nel 2002 Fendt vendeva 10.709 trattori, nel 2011 era salita a circa 15mila, mentre il 2012 dovrebbe chiudere a 17.500. Pianificato un 2013 da 18mila trattori, si pensa di superare quota 20mila nell’arco di pochi anni.

Certo l’investimento è stato di tutto rispetto: circa 300 milioni di dollari (230 milioni di euro) per Marktoberdorf (trattori) e Asbach-Bäumenheim (cabine). E non è un caso che il management tedesco abbia a più riprese ‘ringraziato’ la corporation americana per aver voluto pianificare la crescita in terra teutonica.

Torniamo a Paffen. «Fendt conta di chiudere il 2012 con una crescita del 17% sui trattori. E la politica di ricerca e sviluppo continua: dopo i 49 milioni di euro del 2011, si toccheranno i 52 milioni nel 2012. Ciò si riverbera nel miglioramento delle quote sul mercato trattori in pressochè generalizzato aumento: abbiamo il 38% in Germania, il 17% in Francia e l’8,2% nell’Europa centro-orientale. Ma anche in Italia (6%), Austria (5,2%) e Regno Unito (4,8%) siamo in costante crescita». Paffen sottolinea poi con soddisfazione l’aumento della forza lavoro in Fendt. «Nel 2001 avevamo circa 2.400 dipendenti, oggi siamo oltre 4mila».

Intanto Richenhagen puntualizza i due obiettivi di fondo di Agco. «Vogliamo essere i leader come qualità percepita in tutti i nostri marchi. E, soprattutto, vogliamo essere i primi al mondo come marginalità delle nostre attività».

Poi aggiunge un messaggio significativo sul fronte motori: «I trattori Agco dovrano avere motori Agco Power (ex Sisu, ndr). Ora siamo circa al 50%. Nel caso di Fendt Deutz Ag, grazie a ottimi motori, farà di tutto per convincerci di poter essere ancora per molti anni il miglior fornitore possibile di Fendt».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome