Biolchim protegge il mais dal freddo

L’accoppiata Fylloton + Zinco 134 favorisce lo sviluppo della pianta e le consente di superare lo stress da basse temperature

Negli ultimi anni, la semina precoce del mais, più che una tendenza, è diventata una necessità per evitare la fioritura in periodi eccessivamente caldi e ridurre così il rischio di micotossine e attacchi di diabrotica. Tale tendenza, però, espone maggiormente la coltura alle basse temperature primaverili e ai ritorni di freddo, causando alla coltura uno stress che ne aumenta la sensibilità agli erbicidi e ne arresta la crescita, con conseguente compromissione della resa e della qualità delle produzioni.

A seguito dei numerosi studi condotti grazie al progetto Win (Worldwide Innovation Network) e alla esperienza pratica accumulata negli Stati Uniti d’America, Biolchim offre agli agricoltori una strategia specifica ed efficace per evitare gli arresti di crescita nelle prime fasi di sviluppo del mais.

 

Visualizza Come e quando usare i prodotti

 

Fylloton è un complesso aminoacidico di origine vegetale (ottenuto per idrolisi enzimatica) ed estratto di Ascophyllum nodosum. Grazie alla sinergia tra gli aminoacidi vegetali (tra cui il Triptofano, naturale precursore delle auxine) e le alghe (ricche di fitoprotettori quali la prolina, il mannitolo e le betaine), Fylloton stimola la sintesi di proteine e biopromotori di crescita naturali, favorendo lo sviluppo della pianta e migliorando la ripresa dagli stress dovuti alle basse temperature ed all’applicazione degli agrochimici.

Zinco 134 è un formulato liquido che, apportando elevate quantità del microelemento più importante per il mais, corrobora e potenzia l’effetto di Fylloton. Il suo pH acido garantisce un rapido assorbimento della miscela da parte della coltura.

L’impiego di Fylloton e Zinco 134, inserito nella linea di diserbo per il mais, rappresenta la strategia per incrementare le rese finali per ettaro senza incidere sui costi di movimentazione delle macchine agricole, con conseguente guadagno e soddisfazione dell’agricoltore.

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome